Home Eventi IL PRESIDENTE NAZIONALE DI FEDERATA SCRIVE AL TUTTO IL PERSONALE ATA

IL PRESIDENTE NAZIONALE DI FEDERATA SCRIVE AL TUTTO IL PERSONALE ATA

1806

Cara Collega e caro Collega ATA,

insieme ne abbiamo passate di vicissitudini, anni travagliati, ricchi di novità, molte volte negative.

Senza di noi, lavoratori ATA invisibili agli occhi di tutti, ma il cui contributo svolto quotidianamente è fondamentale e prioritario, l’istituzione scolastica nel nostro paese non esisterebbe.

In qualità di Presidente nazionale di Feder.ATA, insieme a tutta l’organizzazione sindacale che rappresento, sono sempre stato con onestà e lealtà al tuo fianco, camminando con te, le tue lotte interne alla scuola sono state sempre le nostre. Una condivisione che solo noi abbiamo potuto comprendere. NOI SIAMO IL SINDACATO COMPOSTO SOLO DA ATA.

Tuttavia, la politica e i sindacati confederali firmatari di CCNL non hanno mai fatto nulla di concreto per noi ATA, se non quando devono mantenere le tessere.

Feder.ATA, ha la sana presunzione di essere l’unico sindacato che ha sempre lottato con le proprie forze per i lavoratori ATA: DSGA, assistenti amministrativi, assistenti tecnici e collaboratori scolastici, perché, uniti sotto la stessa bandiera, possano essere sempre più forti e rispettati. È il rispetto del ruolo che rivendichiamo senza se e senza ma.

Abbiamo proclamato lo sciopero nazionale degli ATA il 24 Novembre 2021 perché siamo stati i primi a capire che anche nella nuova legge di bilancio l’attuale Governo non ci avrebbe valorizzato e perché siamo stufi di questo sistema politico sindacale malato, che ci vede sempre soccombere come agnelli sacrificali, immancabilmente ad ogni decisione ministeriale.

Noi ATA, dobbiamo scendere in piazza perché deve finire il tempo dei “vorrei ma non posso”; tutti dobbiamo unirci e lottare per i diritti violati da decenni di storture contrattuali e normative unilaterali che hanno sempre avuto il solito comun denominatore: aumentare il lavoro degli ATA senza nessun aumento di stipendio.

Oltretutto il Governo inserisce nella nuova legge di bilancio, l’aumento del FUN per i dirigenti scolastici, con la motivazione che “essendo non supportati adeguatamente dai dsga e dagli assistenti amministrativi, dal punto di vista del diritto amministrativo ecc……” dimenticandosi anche che l’ultimo concorso ordinario dei dsga, è stato tarato per assumere avvocati. Peccato però, che gli avvocati appena assunti, non siano ancora oggi in grado di lavorare da soli e senza l’aiuto dei facenti funzioni e degli assistenti amministrativi.

Inoltre, le associazioni dei dsga, QUELLE CHE VANNO A BRACCETTO CON I PRESIDI, che hanno sempre preso in giro gli assistenti amministrativi facendo solo corsi di formazione – la formazione la deve fare lo stato – e quelle che hanno contestato pubblicamente i facenti funzione, chiedono la loro partecipazione alla manifestazione del 30 novembre.

Ma gli assistenti amministrativi non sono stupidi e aderiranno compatti allo sciopero del 24 novembre 2021”.

Il contratto è scaduto da oltre tre anni, i carichi di lavoro diventati ormai insostenibili in tutti i profili, le mancate assunzioni e stabilizzazioni in ruolo, la mancata assegnazione di un tecnico AR02 in ogni istituto comprensivo (che io chiedo da 15 anni), la mancata proroga dei contratti COVID ATA, gli stipendi inadeguati, gli organici del tutto inappropriati davanti alla richiesta scolastica reale, i DSGA f.f. che dopo anni di lavoro con responsabilità dirette immense sono ora del tutto abbandonati a se stessi perché non hanno il titolo di studio richiesto oggi e con un vuoto normativo sulla loro mancata stabilizzazione che non ha eguali nel nostro paese, questi sono solo alcuni punti per cui dobbiamo scioperare il 24 novembre 2021.

Come comprendi benissimo, si parla di te, si parla di noi, del nostro presente e del nostro futuro, della dignità del lavoro che svolgiamo, ognuno nel proprio profilo all’interno della scuola, non possiamo più permetterci di non capire che siamo ad un punto di non ritorno. Solo la lotta paga. Aderisci allo sciopero nazionale dei lavoratori ATA il 24 Novembre 2021 e partecipa al SIT-IN davanti al Ministero alle ore 12.00.

Recarsi a scuola e non scioperare oggi sarebbe un grosso errore, che non puoi e non possiamo permetterci.

Chiudiamo le scuole, chiudiamo le segreterie, chiudiamo i laboratori.

SE NON ORA QUANDO??????

Giuseppe Mancuso

Articolo precedenteLA VOCE DELLA SCUOLA Feder.ATA- “Personale ATA -Lavoratori invisibili”
Articolo successivoSciopero Feder.ATA-l’adesione dei lavoratori ATA non è mancata”