Home Blog

GRADUATORIA DI TERZA FASCIA ATA: FEDER.ATA AVVIA I RICORSI AL TAR DEL LAZIO CONTRO IL MINISTERO DIVENTATO UN RICORSIFICIO

Prot. n. 98 del 02 aprile 2021

A TUTTO IL PERSONALE ATA PRECARIO

LORO SEDI

GRADUATORIA DI TERZA FASCIA: FEDER.ATA AVVIA I RICORSI AL TAR DEL LAZIO

Feder.A.T.A., con l’ausilio della propria struttura legale, dopo aver esaminato il nuovo decreto di aggiornamento per le graduatorie di III fascia del Personale ATA per il triennio 2021\2023, ha deciso di promuovere, dinanzi alla competente sede giudiziaria del T.A.R. del Lazio, dei ricorsi collettivi funzionali all’inserimento nelle suddette graduatorie e di tutela della posizione dei propri assistiti.

Potranno partecipare ai vari ricorsi, manifestando da subito la pre-adesione:

  • Tutti coloro che sono interessati alla valutazione del servizio militare e del servizio civile nelle graduatorie del personale ATA. La normativa ministeriale di interesse (d.m. n. 50 del 3 marzo 2021), nel regolamentare l’aggiornamento delle graduatorie ATA di III fascia per il triennio 2021\2023, disciplina anche la valutazione del servizio militare, del servizio civile sostitutivo e del servizio civile volontario.

Infatti, nell’allegato A – “Avvertenze” si legge che: “Il servizio militare di leva e i servizi sostitutivi assimilati per legge, prestati in costanza di rapporto di impiego, sono considerati servizio effettivo reso nella medesima qualifica.

Il servizio militare di leva e i servizi sostitutivi assimilati per legge, prestati non in costanza di rapporto di impiego, sono considerati come servizio reso alle dipendenze delle amministrazioni statali.

È considerato come servizio reso alle dipendenze delle amministrazioni statali anche il servizio civile volontario svolto dopo l’abolizione dell’obbligo di leva.”

Il ricorso ha la finalità di far valutare come servizio effettivo il servizio militare ed il servizio civile, resi non in costanza di rapporto.

  • Tutti coloro che sono interessati all’accesso alle graduatorie con il solo diploma di scuola media anche se privi della qualifica triennale. A questo proposito sarà denunciata da discriminazione e la disparità di trattamento rispetto ad altre categorie.
  • Tutti coloro che sono interessati alla valutazione dei titoli da conseguirsi oltre la data del 22 aprile 2021.

Il bando prevede che i requisiti ed i titoli valutabili devono essere posseduti alla data di scadenza del termine di presentazione della relativa domanda.

Come è noto, molti aspiranti stanno seguendo dei corsi in relazione ai quali il titolo potrà essere conseguito solo dopo il 22 aprile e ciò per i noti ritardi dovuti alla pandemia.

Il ricorso ha la finalità di consentire la valutazione dei titoli con riserva da sciogliersi entro la data di inizio di validità delle prossime graduatorie.

Inoltre, come esplicitato dall’art. 2, comma 12 del Decreto ministeriale, sono validi ai fini della valutazione anche oltre il 22 aprile 2021 anche i titoli di studio conseguiti all’estero, qualora la dichiarazione di equipollenza degli stessi sia intervenuta entro questa data o se entro la stessa data sia stata presentata istanza di riconoscimento. In tale ultimo caso l’inserimento avviene con riserva e non produce effetto ai fini della stipula del contratto fino allo scioglimento della riserva stessa.

  • Tutti coloro che sono interessati all’integrale riconoscimento del punteggio per il servizio prestato nelle scuole paritarie, nelle scuole comunali e nei percorsi regionali di istruzione e formazione professionale (IeFp). Inoltre, il ricorso può interessare la valutazione del diploma di laurea e del punteggio, la valutazione di master, dottorati di ricerca e di diplomi di perfezionamento per i vari profili professionali.

Requisito indispensabile per partecipare alle singole tipologie di ricorso è la presentazione della domanda, in forma telematica o cartacea, di inserimento/aggiornamento con dichiarazione di tutti i titoli che si intendono far valere.

Nei prossimi giorni attiveremo un apposito form di adesione e partecipazione.

Ogni ulteriore chiarimento può essere richiesto ai referenti delle nostre strutture provinciali o via mail al seguente indirizzo: ricorsi@federata.it

Pertanto, la Federazione del Personale A.T.A. FEDER.A.T.A., in qualità di

UNICO SINDACATO CHE DIFENDE SOLO IL PERSONALE ATA

AVVIA I RICORSI AL TAR DEL LAZIO CONTRO UN MINISTERO DELL’ISTRUZIONE PONENDOSI UNA DOMANDA: CHI VUOLE AL AL MINISTERO CHE SI PRESENTINO I RICORSI ANZICHE’ EVITARLI?

COSTO PER GLI ISCRITTI: Ricorso cad. € 100,00

Cordiali saluti a tutti.

Il Presidente Nazionale FederATA

Giuseppe Mancuso

IL SERVIZIO MILITARE VALE 6 PUNTI-IL CONSIGLIO DI STATO ACCOGLIE IL RICORSO DELLE FEDER.ATA

Comunicato stampa 21 giugno 2022

A tutto il personale ATA

Agli organi di stampa

Il servizio militare vale 6 punti VITTORIA DELLA FEDER.ATA.

Il Consiglio di Stato accoglie il nostro appello

Il servizio militare prestato non in costanza di rapporto vale servizio prestato nel profilo di inserimento in terza fascia”

In data 16 giugno 2022, il Consiglio di Stato con ordinanza n. 2726/2022 ha accolto il nostro appello

cautelare avente ad oggetto la valutazione del servizio militare prestato non in costanza di nomina”.

Il Presidente nazionale della FederATA, Giuseppe Mancuso, annuncia una vittoria importante in consiglio di stato: “sono felicissimo che il consiglio di stato abbia accolto la nostra richiesta”

Per effetto dell’ordinanza, dice un Mancuso raggiante, ognuno persona che ha aderito al nostro ricorso, avrà diritto al riconoscimento di punti 6 per anno, al posto di punti 0,6 nella graduatoria di terza fascia.

Con questa clamorosa decisione, il Consiglio di Stato, fa chiarezza sul riconoscimento del servizio militare non prestato in costanza di servizio, nella graduatoria di terza fascia ATA.

FederATA, esprime grande soddisfazione per il risultato raggiunto ringraziando lo studio legale Limblici Palumbo & Partners di Favara (AG) che ha creduto insieme a noi in questo ricorso.

Proseguiremo nella presentazione di ulteriori ricorsi e per chi fosse interessato, conclude il presidente nazionale Mancuso, può inviare una mail al seguente indirizzo: ricorsi@federata.it oppure contattare i seguenti numeri: 339/6670188 o 340/2538799.

Ufficio Stampa

La scuola la società e il cambiamento

A tutto il personale ATA

Agli organi di stampa

Loro Sedi

Comunicato Stampa del 21/04/2022

La scuola, la società e il cambiamento

Della scuola si discute ogni giorno, anche troppo direi.

I problemi della scuola interessano personalmente un grande numero di persone, gli studenti e le loro famiglie, i docenti e il personale ATA.

Interessano anche i pedagogisti e gli intellettuali, che ne discutono sui giornali e nei libri, e i politici, che ne fanno oggetto di interventi, (tal volta fuori luogo) e riforme (disastrose). Eppure, nonostante tutto questo discutere e intervenire, la politica e la società, oggi si dimostrano impotenti a risolvere i “problemi della scuola”, tanto che la scuola sembra in una sorta di crisi perenne da cui non riesce a uscire, una crisi che si manifesta prima di tutto come un malessere in tutti coloro che hanno a che fare con la scuola.

Una delle ragioni fondamentali che spiega questa impotenza è che i problemi della scuola di cui si discute e che si cerca in qualche modo di risolvere sono problemi che non toccano la sostanza delle cose, le ragioni profonde del disagio della scuola, mentre dei problemi veri, quelli che stanno alla radice della crisi storica dell’istituzione scuola nelle società moderne economicamente avanzate, c’è scarsa consapevolezza, specialmente di quanto siano profondi e radicali.

I problemi veri della scuola non sono la riorganizzazione dei cicli scolastici, il modo in cui vengono fatti gli esami, la formazione degli insegnanti e dei lavoratori ATA e i loro stipendi, l’autonomia didattica delle scuole, l’introduzione di un sistema di valutazione dei ragazzi oggettivo e valido su tutto il piano nazionale, l’incentivazione della produttività delle scuole, l’incentivazione allo studio per gli studenti “capaci e meritevoli”.

Anche quando venissero risolti tutti questi problemi (cosa altamente improbabile), ancora non si sarebbe fatto nulla per portare la scuola fuori della crisi strutturale che sta attraversando. E lo stesso vale per problemi più “politici” come i cospicui finanziamenti alle scuole private o il fatto che il successo scolastico è ancora legato al livello socio-culturale della famiglia.

Quali sono allora i veri problemi della scuola? Sono esattamente i problemi della società, le discussioni e gli interventi sulla scuola non riescono a uscire dal cerchio dei problemi superficiali che abbiamo elencato perché il sistema scuola guarda al suo interno mentre dovrebbe guardare fuori di se’, nella società.

Per primo bisogna dire che i problemi veri della scuola sono molto più difficili da risolvere prima di tutto perché sono problemi fondamentali, cioè problemi che richiedono cambiamenti radicali nei fondamenti stessi di una istituzione molto antica e pochissimo propensa al cambiamento come la scuola, mentre i problemi superficiali lasciano i fondamenti della scuola intoccati.

Secondo, perché i cambiamenti necessari per risolvere i problemi veri della scuola non investono solo la scuola, ma anche la società e la cultura fuori della scuola. E società e cultura oggi cambiano molto e velocemente ma il cambiamento sembra sfuggire agli sforzi di pilotarlo e governarlo.

Terzo, perché i problemi veri della scuola non sono neppure riconosciuti e visti con chiarezza e, ovviamente, se non si vede un problema, non si può lavorare a risolverlo. Anzi la misura della gravità della crisi della scuola è proprio il fatto che la scuola non vede e non riconosce quali sono i suoi veri problemi. Perciò il primo passo per risolvere i veri problemi della scuola è riconoscerli, analizzarli e capirne bene la natura.

Il problema numero uno della scuola è il cambiamento. Per capire le difficoltà che il cambiamento pone alla scuola e il difficile rapporto che la scuola ha con il cambiamento, bisogna prima di tutto domandarsi quali sono i compiti che la società assegna alla scuola.

La società assegna alla scuola due compiti.

Il primo compito è trasmettere il sapere e la cultura del passato alle nuove generazioni.

Nell’organizzazione della società la scuola ha soprattutto il compito della “discendenza” culturale, cioè della trasmissione e conservazione del passato. Il compito della “modificazione”, cioè del cambiamento e della introduzione di novità nella società e nella cultura, è affidato alla ricerca scientifica, artistica, organizzativa, e alla creatività in ogni campo delle attività umane, inclusa ovviamente anche l’attività di insegnare e di imparare. Il fatto che alla scuola spetti il compito della “discendenza”, cioè della conservazione e trasmissione del passato, va tenuto ben presente se vogliamo capire quale può essere il rapporto della scuola con il cambiamento.

Ma la scuola ha anche un secondo compito, oltre a quello di trasmettere il sapere e la cultura. Il secondo compito della scuola è preparare i giovani alla società in cui vivranno, in modo che essi siano prima di tutto in grado di capire quella società e poi di contribuire al suo cambiamento.

Le società umane non sono tutte uguali, sono diverse a seconda dei tempi e dei luoghi, e soprattutto cambiano nel tempo. Perciò le diverse società richiedono conoscenze, comportamenti e valori diversi nelle persone che debbono vivere in esse. Quello che ci si aspetta dalla scuola è che dia ai giovani le conoscenze, le abilità e anche i valori appropriati alla società in cui vivranno da adulti.

Se questi sono i due compiti fondamentali che la società assegna alla scuola, trasmettere il sapere e attrezzare i giovani alla società in cui vivranno da adulti, la domanda è: Che rapporto c’è tra i due compiti?

Se il cambiamento nella società e nella cultura è lento, la scuola può svolgere entrambi i compiti in modo armonico e senza troppi problemi. Questo è quello che è successo fino ad oggi. E’ vero che la società cambia sempre, e quindi cambiano la cultura, i comportamenti, le conoscenze, i valori trasmessi per apprendimento dagli altri, ma se il cambiamento non è veloce la scuola può trasmettere la cultura della generazione precedente con i limitati aggiustamenti intervenuti nel frattempo, e nello stesso tempo preparare i ragazzi alla società in cui vivranno da adulti. La società in cui gli studenti vivranno da adulti sarà un po’ diversa da quella attuale o da quella di qualche anno o decennio addietro, ma non di molto. Perciò la scuola può trasmettere la cultura del passato sapendo che nel frattempo adempie anche al suo secondo compito, preparare i giovani a vivere nella società in cui sono destinati a vivere.

Le cose si complicano se il cambiamento sociale e culturale è rapido. Se diventa veramente veloce, i due compiti della scuola entrano in contrasto tra loro. La scuola trasmette la cultura del passato ma, facendo questo, finisce per non preparare i giovani a vivere nella società in cui vivranno da adulti. La società in cui i giovani vivranno da adulti sarà diversa dalla società di adesso e, ancora di più, da quella del passato, anche recente, e richiederà comportamenti, conoscenze e valori diversi da quelli della cultura del passato.

Il modo migliore per rendersi conto di questa continua accelerazione del cambiamento è considerare il cambiamento nella tecnologia. La tecnologia fa parte della cultura. La mente umana si esprime in comportamenti, pensieri, parole, ma anche in prodotti esterni che sono gli artefatti tecnologici.

Apprendere dagli altri significa in buona misura apprendere osservando e usando ciò che è stato prodotto dagli altri, cioè gli artefatti tecnologici.

La tecnologia cambia come cambia tutta la cultura.

Oggi il cambiamento non si misura più in millenni o in secoli, ma in anni o addirittura in mesi, si pensi al cambiamento nelle tecnologie del computer dove ci sono novità ogni sei mesi.

La spinta viene dalla ricerca scientifica e dall’innovazione tecnologica ma soprattutto dal mercato che prospera proprio sul cambiamento, cioè sulla creazione di sempre nuovi bisogni e di nuovi modi di soddisfarli.

Quello che abbiamo detto del cambiamento tecnologico si può dire anche per il cambiamento nelle istituzioni sociali e politiche, nei beni prodotti e scambiati, nei comportamenti, nelle idee, nei valori. Ovunque cambiamento, e cambiamento che accelera con il tempo. Oggi il cambiamento è in ogni campo, è molto veloce, e la sua velocità cresce.

Se le cose stanno così, la scuola non può che trovarsi in seria difficoltà.

Quando il cambiamento diventa molto veloce, le due funzioni della scuola entrano in contraddizione l’una con l’altra. Se la scuola si preoccupa di trasmettere la cultura (che per definizione è il passato), questo significa che non riesce a preparare i giovani alla società in cui vivranno da adulti, ma in realtà ormai neppure alla società in cui vivono adesso da giovani.

Se invece la scuola cerca di preparare i giovani alla società così come è oggi e come sarà tra 10-20 anni (il tempo per uno studente di diventare adulto), essa vede sgretolarsi davanti ai suoi occhi molta della cultura che trasmette da sempre in quanto questa cultura non è più in sintonia con la società presente e futura.

In questo conflitto tra i suoi due compiti è la ragione profonda, la grande causa, del malessere della scuola, il malessere sentito da tutti coloro che hanno a che fare con la scuola, gli studenti, gli insegnanti, i genitori, ,il personale ATA, gli amministratori e i governanti.

E’ un malessere che va al di là della scuola. Oggi la realtà sembra a molti meno comprensibile che in passato, una delle cause principali è il cambiamento troppo veloce. Il cambiamento troppo veloce rende la realtà poco comprensibile perché comprendere la realtà significa interpretarla in base agli schemi che abbiamo appreso.

Ma gli schemi appresi da giovani, o magari soltanto qualche anno prima, diventano inappropriati per il fatto che la realtà che dovevano servire a interpretare nel frattempo è cambiata.

E la scuola? La scuola è il luogo dove la realtà, quella esterna e sociale, dovrebbe cominciare a diventare comprensibile a chi si appresta a diventare adulto. E’ la scuola che fornisce i primi e grandi schemi interpretativi della realtà ma oggi la scuola sa lei per prima, che non è più in grado di fornire gli schemi interpretativi della realtà, perché ogni schema che essa fornisca ai ragazzi diventerà obsoleto e inutile quando i ragazzi saranno diventati adulti. Peggio ancora, la scuola sa che gli schemi interpretativi della realtà che essa è in grado di fornire ai ragazzi non sono appropriati neppure per la realtà presente. E’ la scuola che per prima sente la realtà come incomprensibile.

La scuola ha un vero e proprio problema con il cambiamento. In una società in cui tutto cambia velocemente, la scuola non cambia. La scuola non cambia in una società che cambia. Se la scuola deve preparare per la società, questo non può non essere un problema serio.

E’ per questo che i problemi che oggi vengono considerati come i “problemi della scuola”, quelli che vengono discussi da tutti sono problemi superficiali. Sono problemi che, se anche venissero risolti, la scuola cambierebbe solo in superficie, mentre per fare uscire la scuola dalla sua crisi strutturale dovuta all’accelerazione del cambiamento, la scuola dovrebbe prima di tutto identificare e analizzare con chiarezza i suoi “veri” problemi e poi cambiare molto profondamente per risolverli.

Per una istituzione sociale che, per assolvere ai suoi compiti, deve guardare al futuro, questo è chiaramente il problema.

Monza, 21/04/2022

Il Segretario Nazionale Organizzativo Feder.ATA

Fania Gerardo

 

 

Graduatorie 24 Mesi ATA

FEDER.ATA INFORMA

Graduatorie 24 Mesi ATA

E’ stata pubblicata ieri la nota ministeriale numero 13671 del 5 aprile 2022 con la quale si dà il via alle domande per l’aggiornamento delle graduatorie ATA 24 mesi anno scolastico 2022/23. Requisito principale per accedere alle graduatorie di prima fascia è l’aver svolto 24 mesi, ovvero 23 mesi e 16 giorni, di servizio.

Le funzioni “Istanze on Line ( Polis )“ per la presentazione delle istanze saranno aperte dal 27 aprile al 18 maggio 2022.

I bandi sono pubblicati dagli Uffici scolastici regionali entro il 26 aprile.

I candidati, per poter accedere al servizio “Istanze on line (POLIS)”, devono essere in possesso di un’utenza SPID valida per l’accesso ai servizi presenti nell’area riservata del Ministero dell’istruzione e l’abilitazione specifica al servizio “Istanze on Line (POLIS)”. La scelta delle scuole(Allegato G) avverrà in un secondo momento e sarà in modalità telematica. L’istanza sarà resa disponibile dopo che gli uffici provinciali avranno completato la valutazione delle domande di inserimento/aggiornamento in graduatoria.

I candidati per accedere alle graduatorie 24 mesi devono essere in possesso dei seguenti requisiti:

a) essere in servizio in qualità di personale ATA a tempo determinato nella scuola statale nella medesima provincia e nel medesimo profilo professionale, cui si concorre;

b) il personale che, eventualmente, non sia in servizio all’atto della domanda nella medesima provincia e nel medesimo profilo professionale, cui concorre, non perde la qualifica di “personale ATA a tempo determinato della scuola statale”, come sopra precisato, se inserito nella graduatoria provinciale ad esaurimento della medesima provincia e del medesimo profilo (per il profilo di CS) e negli elenchi provinciali per le supplenze (per i profili di AA – AT – CR – CO – GA – IF);

c) il personale che non si trovi nelle condizioni di cui alla precedente lettera a) né nelle condizioni di cui alla precedente lettera b) conserva, ai fini del presente bando, la qualifica di “personale ATA a tempo determinato della scuola statale” se inserito nella terza fascia delle graduatorie di circolo o di istituto per il conferimento delle supplenze temporanee della medesima provincia e del medesimo profilo cui si concorre (AA – AT – CR – CO – GA – IF – CS);

Naturalmente requisito fondamentale per l’inclusione nelle graduatorie permanenti del personale ATA è un’anzianità di servizio di 23 mesi e 16 giorni, anche non continuativi prestato in posti corrispondenti al profilo professionale cui si richiede l’accesso e/o in posti corrispondenti a profili professionali dell’area del personale ATA statale della scuola immediatamente superiore a quella del profilo cui si concorre.

Monza, 06/04/2022

La Segreteria Nazionale di Feder.ATA

WEBINAR MOBILITA’ PERSONALE ATA 2022-2023

Come si presenta una domanda di trasferimento ATA

WEBINAR MOBILITA’ PERSONALE ATA 2022/2023

15 Marzo 2022

ore 17:00 19:00

link per la registrazione: https://forms.gle/4p9cQXMv3vhSHuFR6

Il Governo Draghi ha tradito per l’ennesima volta i lavoratori della scuola”

A tutto il personale ATA

Agli organi di stampa

Loro Sedi

Comunicato Stampa del 04/03/2022

Feder.ATA: “ Il Governo Draghi ha tradito per l’ennesima volta i lavoratori della scuola”

Il Ministero dell’Istruzione nell’incontro del 3 Marzo ha espresso la volontà di prorogare l’organico covid, ma con un sostanziale problema, ancora mancano le risorse economiche.

Il Presidente di Feder.ATA Giuseppe Mancuso si è espresso a riguardo: “ la necessità di questo organico covid è di vitale importanza per le nostre scuole, la proroga contrattuale non può essere ridotta ad una semplice valutazione da assumere in questo momento, solo per i prossimi mesi fino al termine delle didattica, c’e bisogno di un ragionamento serio per il prossimo futuro come organico stabilizzato, noi chiediamo la conversione di questo organico covid in organico aggiuntivo stabile, come misura che va oltre l’emergenza covid”.

Rincara la dose anche il segretario nazionale di Feder.ATA Fania Gerardo: “ Restiamo basiti davanti alla pochezza programmatica del governo che al 3 di marzo non ha ancora provveduto a stanziare le risorse economiche, la fumata nera di ieri significa che anche se dovessero arrivare i fondi potrebbe essere troppo tardi in considerazione alla proroga contrattuale prevista in data 31 marzo e alla situazione dei pagamenti che slitterebbe inevitabilmente, come abbiamo più volte denunciato i lavoratori della scuola non sono la priorità di questo governo”.

In conclusione il Presidente nazionale Giuseppe Mancuso fa appello alla responsabilità politica: “ Mi auguro per il bene dei lavoratori della scuola che in un prossimo provvedimento di legge, a partire dalla conversione del decreto-legge “sostegni ter” sia trovata la copertura finanziaria necessaria per la prosecuzione fino alla fine dell’anno scolastico dei contratti in questione, la nostra organizzazione sindacale come sempre, sarà vigile e in prima fila a difesa e sostegno dei lavoratori della scuola”.

Monza, 04/03/2022

Ufficio stampa Feder.ATA

Vademecum mobilità del personale ATA-Anno scolastico 2022-23

Vademecum mobilità del personale ATA

Anno scolastico 2022/23

A cura di Fania Gerardo

Presentazione della domanda

Dal 9 marzo al 25 marzo 2022

Pubblicazione dei movimenti

Dal 27 Maggio 2022

Il testo dell’Ipotesi di CCNI 2022/2025, come previsto dall’art. 7 del CCNL 2018, ha vigenza triennale e riguarda gli anni scolastici 2022/2023, 2023/2024 e 2024/2025.

Le operazioni di mobilità sono disciplinate con la annuale Ordinanza Ministeriale.

Come già anticipato, per l’anno scolastico 2022/2023 i termini e modalità di presentazione delle domande sono disposti dalla la OM 45/22 e la OM 46/22 del 25 febbraio 2022 trasmesse con nota ministeriale 8204 del 25 febbraio 2022.

Analogamente, per i successivi anni di vigenza del CCNI, saranno emanate le rispettive Ordinanze Ministeriali e le note di trasmissione.

Il personale ATA a tempo indeterminato può inoltrare domanda di mobilità territoriale (deve, in caso di nomina in ruolo anno scolastico 2021/2022, in quanto titolare in provincia) ad eccezione dei DSGA neo-assunti e ex LSU internalizzati con contratto part time.

Per ciò che riguarda la mobilità professionale accede

Il personale ATA (per passaggio di profilo nella stessa area) purché in possesso del titolo

Il personale ATA a tempo indeterminato e in attesa di titolarità definitiva deve presentare domanda di mobilità (CCNI artt. da 34 a 49).

Potrà presentare online due distinte domande se intende trasferirsi sia in provincia che per diversa provincia. Qualora abbia ottenuto il trasferimento interprovinciale, non si terrà conto di quello provinciale.

Le preferenze, non superiori a 15, possono essere espresse in: scuola / distretto /comune / provincia / sede CTP, come da bollettino ufficiale.

Confermata la tabella di valutazione dove il servizio pre-ruolo e quello di ruolo sono equiparati, ai fini della mobilità a domanda, purché prestato nella stessa area, anche in diverso profilo.

DSGA neo immesso in ruolo

I DSGA immessi in ruolo a seguito delle procedure concorsuali non partecipano alla mobilità volontaria per un triennio, mantenendo la titolarità sulla scuola a decorrere dall’atto di nomina.

Nell’ambito delle operazioni propedeutiche a.s. 2022/2023 i DSGA neo-assunti 2021/2022 confermano la propria titolarità sulla sede di assegnazione in ruolo oppure, in subordine, possono scegliere una diversa sede nella stessa provincia purché ancora vacante tra le disponibilità dell’a.s 2021/2022 (OM 45/22 art.22 c.5).

In quest’ultimo caso, l’anno scolastico già svolto si cumula al fine del compimento del triennio.

Personale ex LSU, appalti storici ed ex co.co.co

Le disposizioni previste per la mobilità del personale ATA (Titolo III del CCNI) si estendono anche ad ex LSU, appalti storici ed ex co.co.co, purché internalizzati a tempo pieno.

Rimane escluso, invece, sia dalla mobilità volontaria che da quella d’ufficio il personale di cui sopra immesso in ruolo a tempo parziale, fino a quando non intervenga la conversione a tempo pieno del rapporto di lavoro.

Mobilità assistenti tecnici

A decorrere dall’a.s. 2021/2022 l’organico di diritto del personale ATA è stato incrementato di 1.000 posti di Informatica (codice T72) per assistenti tecnici di area “elettronica ed elettrotecnica – codice AR02” nelle scuole dell’infanzia, primaria e secondaria di I grado, ai sensi della L. 178/20 art.1 co.967 (Legge di Bilancio 2021).

Tali posti sono numericamente inseriti nelle disponibilità provinciali ed occorre acquisire direttamente dall’UST competente quale sia l’effettiva istituzione scolastica-polo cui far riferimento in caso di domanda di mobilità con preferenza su codice puntuale.

È bene, quindi, prestare attenzione alla compilazione della domanda anche in considerazione del fatto che il codice sintetico potrebbe (il condizionale è d’obbligo) comprendere anche uno o più posti nelle scuole del I ciclo.

Per escludere questa evenienza, si dovrà agire sulle caselle nell’ordine di preferenza per grado di istruzione, spuntando solo quella/e di interesse.

Monza, 02/03/2022

Mobilità 2022, le date ufficiali

FEDER.ATA INFORMA

Mobilità 2022, le date ufficiali

Personale docente: Presentazione domande: dal 28 febbraio al 15 marzo 2022 / Pubblicazione dei movimenti: 17 maggio 2022

Personale ATA: Presentazione domande: dal 9 marzo al 25 marzo 2022 / Pubblicazione dei movimenti: 27 maggio 2022

Personale educativo: Presentazione domande: dal 1° marzo al 21 marzo 2022 / Pubblicazione dei movimenti: 17 maggio 2022

La domanda va compilata e inoltrata sul portale del Ministero dell’Istruzione, nella sezione dedicata alle Istanze online. Per accedere a Istanze online occorre essere registrati all’area riservata del Portale ministeriale (si può accedere anche con le credenziali SPID). All’interno della sezione sono disponibili, inoltre, guide per accompagnare l’utente nella compilazione della domanda.

Rivolgiti presso le nostre sedi territoriali a noi di Feder.ATA o contattaci per l’assistenza e consulenza sindacale.

FEDER.ATA:I TUOI DIRITTI SONO IL NOSTRO IMPEGNO!

Monza, 26/02/2022

La segreteria nazionale di Feder.ATA

ASSEMBLEA SINDACALE ON LINE FEDER.ATA NAZIONALE 16 Febbrario 2022

A tutto il personale ATA

OGGETTO: ASSEMBLEA SINDACALE ON LINE FEDER.ATA NAZIONALE 16 Febbrario 2022

Cara/o lavoratore ATA,

la OO.SS. Feder.ATA, unico sindacato nazionale del personale ATA, proclama per il 16 febbraio 2022, un’assemblea sindacale on line, su piattaforma Zoom , dalle ore 17 alle 19, dedicata ai lavoratori delle scuole.

Sarà un momento importante di confronto e condivisione delle problematiche lavorative ATA, inoltre avremo modo di acquisire le vostre adesioni alle candidature nelle nostre liste Feder.ATA per le elezioni RSU del prossimo 5/6/7 Aprile 2022, in modo da avere in ogni istituto, una nostra lista e un possibile RSU ATA, obbiettivo fondamentale per tutelare una intera categoria, spesso maltrattata a livello normativo, amministrativo e sindacale da parte dei sindacati confederali.

Partecipate numerosi, iscrivendovi al seguente link : https://forms.gle/EKkFTnya8CNxsbn8A

.

Feder.ATA, i tuoi diritti sono il nostro impegno”

Monza, 11/02/2022

La Segreteria Nazionale di Feder.ATA

ASSEMBLEA SINDACALE ON LINE FEDER.ATA REGIONI VENETO E FRIULI VENIEZIA GIULIA 10/02/2022

A tutto il personale ATA

OGGETTO: ASSEMBLEA SINDACALE ON LINE FEDER.ATA REGIONI VENETO E FRIULI VENIEZIA GIULIA

Cara/o lavoratore ATA,

la OO.SS. Feder.ATA, unico sindacato nazionale del personale ATA, proclama per il 10 febbraio 2022, un’assemblea sindacale on line, su piattaforma Zoom , dalle ore 17 alle 19, dedicata ai lavoratori delle scuole della Regioni Veneto e Friuli venezia Giulia.

Sarà un momento importante di confronto e condivisione delle problematiche lavorative ATA, inoltre avremo modo di acquisire le vostre adesioni alle candidature nelle nostre liste Feder.ATA per le elezioni RSU del prossimo 5/6/7 Aprile 2022, in modo da avere in ogni istituto, una nostra lista e un possibile RSU ATA, obbiettivo fondamentale per tutelare una intera categoria, spesso maltrattata a livello normativo, amministrativo e sindacale da parte dei sindacati confederali.

Partecipate numerosi, iscrivendovi al seguente link : https://forms.gle/xY7bxdTJvUfPCjsp9

Feder.ATA, i tuoi diritti sono il nostro impegno”

Monza, 07/02/2022

La Segreteria Nazionale di Feder.ATA

ASSEMBLEA SINDACALE ON LINE FEDER.ATA REGIONE LIGURIA 9-2-2022

A tutto il personale ATA

OGGETTO: ASSEMBLEA SINDACALE ON LINE FEDER.ATA REGIONE LIGURIA

Cara/o lavoratore ATA,

la OO.SS. Feder.ATA, unico sindacato nazionale del personale ATA, proclama per il 9 febbraio 2022, un’assemblea sindacale on line, su piattaforma Zoom , dalle ore 17 alle 19, dedicata ai lavoratori delle scuole della Regione LIGURIA.

Sarà un momento importante di confronto e condivisione delle problematiche lavorative ATA, inoltre avremo modo di acquisire le vostre adesioni alle candidature nelle nostre liste Feder.ATA per le elezioni RSU del prossimo 5/6/7 Aprile 2022, in modo da avere in ogni istituto, una nostra lista e un possibile RSU ATA, obbiettivo fondamentale per tutelare una intera categoria, spesso maltrattata a livello normativo, amministrativo e sindacale da parte dei sindacati confederali.

Partecipate numerosi, iscrivendovi al seguente link : https://forms.gle/n3N9PqjfM8qtRnDMA

.

Feder.ATA, i tuoi diritti sono il nostro impegno”

Monza, 06/02/2022

La Segreteria Nazionale di Feder.ATA