Home FederATA-Informa Nomine ATA 2021 Feder.ATA-Inammissibile ritardo

Nomine ATA 2021 Feder.ATA-Inammissibile ritardo

1498

A tutto il personale ATA

Agli organi di stampa

Loro Sedi

Comunicato Stampa del 14/10/ 2021

Nomine ATA 2021, Feder.ATA : “ Grave trovarsi a metà Ottobre con migliaia di posti ancora vacanti, ritardi inammissibili”

Le operazioni di nomine per il personale ATA 2021, proseguono colpevolmente a rilento, i posti da assegnare sono ancora tantissimi, in particolare quelli sull’organico Covid 2021”, a pronunciarsi è il Segretario Organizzativo nazionale Fania Gerardo.

Vi sono regioni di Italia, in cui la problematica è molto seria, dove non si sa ancora nulla sull’assegnazione dei posti ATA destinati all’organico di emergenza Covid”, rincara il Presidente Giuseppe Mancuso, ”una situazione sconcertante, intere scuole senza il personale necessario per il corretto funzionamento delle stesse”.

Il tempo stringe e i contratti stipulati avranno valenza solo fino al 30 dicembre, poi decadranno e riconsegneranno il personale ATA alla disoccupazione, situazione paradossale dopo tutti i proclami governativi legati ad una giusta ripartenza di anno scolastico.

Feder.ATA, come sempre vigilerà su questa ennesima stortura a danno delle scuole e dei lavoratori ATA, soprattutto in riferimento ai contratti Covid, dove tra l’altro sono già molteplici le segnalazioni pervenute di scuole che differenziano in modo inopportuno i lavoratori in organico da quelli Covid, soprattutto nel profilo dei CS , prevedendo a questi ultimi, mansioni dettagliate e orari personalizzati imposti, che vanno ad urtare sensibilmente dai dettami normativi del CCNL, che non differenzia il profilo dei CS in organico dai CS in organico Covid, le mansioni sono le medesime, area A , secondo la tabella del CCNL del 24/07/2003:

  1. Accoglienza e sorveglianza nei confronti degli alunni, nei periodi immediatamente antecedenti e successivi all’orario delle attività didattiche e durante la ricreazione, e del pubblico;
  2. La pulizia dei locali, degli spazi scolastici e degli arredi;
  3. La vigilanza sugli alunni, compresa l’ordinaria vigilanza e l’assistenza necessaria durante il pasto nelle mense scolastiche, di custodia e sorveglianza generica sui locali scolastici, di collaborazione con i docenti;
  4. Presta ausilio materiale agli alunni portatori di handicap nell’accesso dalle aree esterne alle strutture scolastiche, all’interno e nell’uscita da esse, nonché nell’uso dei servizi igienici e nella cura dell’igiene personale anche con riferimento alle attività previste dall’art. 47.

Monza, 14/10/2021

Ufficio Stampa Feder.ATA

Articolo precedenteIl Dirigente non può negare il diritto di informazione alla RSU
Articolo successivoFEDER.ATA CHIEDE LA PROROGA DEI POSTI COVID PER GLI ATA AL 30 GIUGNO 2022