Home FederATA-Informa Orario di lavoro del personale ATA è continuativo e non esiste lo...

Orario di lavoro del personale ATA è continuativo e non esiste lo slittamento

2396

A tutto il personale ATA

FEDER.ATA INFORMA

a cura di Fania Gerardo

Orario di lavoro del personale ATA è continuativo e non esiste lo slittamento

Lo “slittamento” di orario del personale ATA non è previsto dal CCNL di settore.

Date le numerose domande e richieste di informazioni da parte dei lavoratori ATA, Feder.ATA , tiene a precisare con questo breve vademecum i punti del CCNL in vigore a riguardo degli orari del personale ATA.

Innanzitutto chiariamo da subito che NON È CONSENTITO lo “slittamento orario”.

L’orario ordinario di lavoro è di 36 ore, suddivise in sei ore continuative, di norma antimeridiane, o anche pomeridiane per le istituzioni educative e per i convitti annessi agli istituti tecnici e professionali.

In sede di contrattazione integrativa d’istituto saranno disciplinate le modalità di articolazione dei diversi istituti di flessibilità dell’orario di lavoro, ivi inclusa la disciplina dei ritardi, recuperi e riposi compensativi sulla base dei seguenti criteri:

  • l’orario di lavoro è funzionale all’orario di servizio e di apertura all’utenza
  • ottimizzazione dell’impiego delle risorse umane
  • miglioramento della qualità delle prestazioni
  • ampliamento della fruibilità dei servizi da parte dell’utenza
  • miglioramento dei rapporti funzionali con altri uffici ed altre amministrazioni
  • programmazione su base plurisettimanale dell’orario

In sede di contrattazione, inoltre, si dovranno decidere le modalità di restituzione delle prestazioni eccedenti l’orario di servizio.

Dunque l’orario di lavoro del personale ATA nelle singole istituzioni scolastiche: è continuativo e non può essere “spezzato” secondo i dettami del CCNL.

Feder.ATA invita a segnalare discrasie, laddove ci siano scuole che con regolarità non rispettino le norme legate all’orario di lavoro del personale ATA.

Monza, 07/10/2021

Articolo precedenteCessazioni dal servizio del personale scolastico dal 1° settembre 2022
Articolo successivoIl Dirigente non può negare il diritto di informazione alla RSU