Home FederATA-Informa Bisogna rinviare l’apertura delle scuole

Bisogna rinviare l’apertura delle scuole

136

Comunicato Stampa del 08/01/2022

A tutto il personale ATA

Agli organi di stampa

Loro Sedi

SCUOLA: FederATA “Il governo Draghi ha una perseveranza diabolica unica nello sbagliare”

Bisogna rinviare l’apertura delle scuole

Queste le ultime dichiarazioni del presidente nazionale di FederATA Giuseppe Mancuso.

Si dice solitamente che “sbagliando si impara”, ma evidentemente è valido per tutti, tranne che per il Governo Draghi. Un governo che continua imperterrito a fare sempre gli stessi errori e a prendere sempre le stesse decisioni, e così tra fake news governative e decisioni scellerate senza capo nè coda, siamo arrivati all’ennesimo decreto sbagliato”.

Peraltro, continua Mancuso, con una nota ambigua del 28 dicembre 2021 a firma del capo di dipartimento Greco, i dirigenti non stanno prorogando i posti ATA COVID, e quindi le scuole non hanno l’organico ATA aggiuntivo per poter garantire la sicurezza ai ragazzi.

Per quanto ci riguarda, di chiara anche il segretario organizzativo nazionale Gerardo Fania, persistono seri dubbi sulla efficacia delle misure del Governo al contrasto della pandemia da Covid 19 in materia di gestione scolastica. Ci stiamo ripetendo da molti mesi ormai ma siamo inascoltati, l’azione governativa non ha una logica e soprattutto manca di programmazione, già l’estate scorsa avevamo gridato a gran voce che sarebbe stato fondamentale non farsi cogliere impreparati dal virus e non eliminare quindi misure precauzionali come ad esempio il distanziamento”.

Tra l’altro in questo preciso momento non è possibile nemmeno realizzare e dare seguito ai comunicati del Governo, continua Fania, perché le procedure indicate sulla tempestività dei tracciamenti, non sono più garantite in alcun modo dalle ASL”.

Il presidente nazionale Mancuso continua “l’aggravarsi di tale situazione rischia di rendere le scuole dei veri e propri focolai, dove i lavoratori vivrebbero situazioni sempre più difficoltose e, non si comprende tra l’altro, la scelta che differenzia in base al numero dei contagiati l’eventuale accesso alla DAD, qual’è la base ad evidenza scientifica che indica di aspettare due, tre o quattro contagiati prima di intervenire per tutelare tutti, tra l’altro differenziando i ragazzi vaccinati dai non, con tre casi infatti va in DAD solo chi non è vaccinato o chi lo è da più di 4 mesi, siamo alla follia più totale”.

La perseveranza diabolica nello sbagliare del governo, rischia ancora una volta, di farci trovare in una situazione in cui tutte le difficoltà di gestione dell’aumento dei contagi ricadranno sulle scuole, e tutto questo, perché mai si è pensato seriamente agli organici aggiuntivi, agli spazi inadatti e insufficienti e ad adeguare le strutture”.

Conclude Mancuso, “perché il Governo Draghi, prima di prendere decisioni così importanti, non consulta gli operatori della scuola?” FederATA, l’unico sindacato degli ATA capace di far scioperare 40.000 ATA è pronto al confronto.

Monza,08/01/2022

Ufficio Stampa Feder.ATA

Articolo precedenteProroga dei contratti “COVID” per gli ATA
Articolo successivoScuola: Mancuso, “Chiediamo che il Ministro Bianchi si dimetta immediatamente”