Home Notizie Il caos delle supplenze del Personale ATA- I collaboratori scolastici di ruolo...

Il caos delle supplenze del Personale ATA- I collaboratori scolastici di ruolo perché non possono usare l’art. 59

14586
0
CONDIVIDI

Il caos delle supplenze del Personale ATA- I collaboratori scolastici di ruolo perché non possono usare l’art. 59

Prot. n. 65 del 07.09.2017

Alla Ministra dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca

Sen. Valeria Fedeli

Agli Organi di Stampa

e, p.c. Ai Colleghi

Loro Sedi

Oggetto: Il caos delle supplenze del Personale ATA- I collaboratori scolastici di ruolo perché non possono usare l’art. 59.

Spett/le Sen. Fedeli,

come noto l’art. 59 relativo al personale ATA del CCNL Comparto Scuola recita:

1. Il personale ATA può accettare, nell’ambito del comparto scuola, contratti a tempo determinato di durata non inferiore ad un anno, mantenendo senza assegni, complessivamente per tre anni, la titolarità della sede.
2. L’accettazione dell’incarico comporta l’applicazione della relativa disciplina prevista dal presente CCNL per il personale assunto a tempo determinato, fatti salvi i diritti sindacali.

Pertanto, in concreto, possono accettare tale incarico sia i Collaboratori Scolastici di ruolo per il profilo di Assistente Amministrativo o Assistente Tecnico, sia gli Assistenti Amministrativi per il profilo di Direttore S.G.A.

Spett/le Ministra,

in attesa delle nuove graduatorie di terza fascia d’Istituto per il personale ATA (collaboratori scolastici, assistenti amministrativi e tecnici, guardarobieri, infermieri e cuochi) le cui domande si potranno presentare dal 30 settembre al 30 ottobre 2017, ogni Ufficio Scolastico Regionale sta agendo autonomamente e in maniera discordante e dissimile tra le diverse Regioni d ‘Italia, creando disordine, confusione e malcontento tra il Personale ATA, in quanto stipulando contratti “in attesa dell’avente diritto”,attingendo alla terza fascia d’ Istituto non si dà la possibilità “agli artt. 59” di accettare supplenze annuali senza perdere il ruolo di provenienza.

Il Sindacato Feder.ATA chiede che i contratti a tempo determinato relativi al personale ATA di terza fascia d’Istituto, per l’a.s. 2017/2018 vengano stipulati con un termine certo (30 giugno 2018 – 31 agosto 2018), utilizzando l’attuale graduatoria.

E’ inaccettabile l’accanimento verso il Personale ATA, in ogni situazione lavorativa, e nonostante i buoni propositi e le grandi promesse di migliorare questa categoria provenienti da ogni pulpito, purtroppo ci troviamo a doverci difendere dalle ingiustizie provenienti da Organi che invece dovrebbero tutelarci e difenderci nella nostra difficile e complessa realtà lavorativa quotidiana, ormai nota da tempo a tutti.

Il Sindacato Feder.ATA esprime tutto il proprio disappunto per l’istituzione delle graduatorie ad anno scolastico iniziato e pertanto ribadisce l’esigenza che le stesse siano sempre pronte a partire dal 1 di settembre.

E’ veramente giunta l’ora di finire questa “messinscena ingannevole” verso gli ATA, tutti sanno ma nessuno fa niente, chiediamo rispetto e considerazione, in questo caso che vengano stipulati contratti a tempo determinato, come sopra indicato, con un termine certo (30 giugno 2018 – 31 agosto 2018) e non “fino all’avente diritto”.

Cordiali saluti.

La Direzione Nazionale Feder.ATA