Home FederATA-Informa Vademecum mobilità del personale ATA-Anno scolastico 2022-23

Vademecum mobilità del personale ATA-Anno scolastico 2022-23

1908

Vademecum mobilità del personale ATA

Anno scolastico 2022/23

A cura di Fania Gerardo

Presentazione della domanda

Dal 9 marzo al 25 marzo 2022

Pubblicazione dei movimenti

Dal 27 Maggio 2022

Il testo dell’Ipotesi di CCNI 2022/2025, come previsto dall’art. 7 del CCNL 2018, ha vigenza triennale e riguarda gli anni scolastici 2022/2023, 2023/2024 e 2024/2025.

Le operazioni di mobilità sono disciplinate con la annuale Ordinanza Ministeriale.

Come già anticipato, per l’anno scolastico 2022/2023 i termini e modalità di presentazione delle domande sono disposti dalla la OM 45/22 e la OM 46/22 del 25 febbraio 2022 trasmesse con nota ministeriale 8204 del 25 febbraio 2022.

Analogamente, per i successivi anni di vigenza del CCNI, saranno emanate le rispettive Ordinanze Ministeriali e le note di trasmissione.

Il personale ATA a tempo indeterminato può inoltrare domanda di mobilità territoriale (deve, in caso di nomina in ruolo anno scolastico 2021/2022, in quanto titolare in provincia) ad eccezione dei DSGA neo-assunti e ex LSU internalizzati con contratto part time.

Per ciò che riguarda la mobilità professionale accede

Il personale ATA (per passaggio di profilo nella stessa area) purché in possesso del titolo

Il personale ATA a tempo indeterminato e in attesa di titolarità definitiva deve presentare domanda di mobilità (CCNI artt. da 34 a 49).

Potrà presentare online due distinte domande se intende trasferirsi sia in provincia che per diversa provincia. Qualora abbia ottenuto il trasferimento interprovinciale, non si terrà conto di quello provinciale.

Le preferenze, non superiori a 15, possono essere espresse in: scuola / distretto /comune / provincia / sede CTP, come da bollettino ufficiale.

Confermata la tabella di valutazione dove il servizio pre-ruolo e quello di ruolo sono equiparati, ai fini della mobilità a domanda, purché prestato nella stessa area, anche in diverso profilo.

DSGA neo immesso in ruolo

I DSGA immessi in ruolo a seguito delle procedure concorsuali non partecipano alla mobilità volontaria per un triennio, mantenendo la titolarità sulla scuola a decorrere dall’atto di nomina.

Nell’ambito delle operazioni propedeutiche a.s. 2022/2023 i DSGA neo-assunti 2021/2022 confermano la propria titolarità sulla sede di assegnazione in ruolo oppure, in subordine, possono scegliere una diversa sede nella stessa provincia purché ancora vacante tra le disponibilità dell’a.s 2021/2022 (OM 45/22 art.22 c.5).

In quest’ultimo caso, l’anno scolastico già svolto si cumula al fine del compimento del triennio.

Personale ex LSU, appalti storici ed ex co.co.co

Le disposizioni previste per la mobilità del personale ATA (Titolo III del CCNI) si estendono anche ad ex LSU, appalti storici ed ex co.co.co, purché internalizzati a tempo pieno.

Rimane escluso, invece, sia dalla mobilità volontaria che da quella d’ufficio il personale di cui sopra immesso in ruolo a tempo parziale, fino a quando non intervenga la conversione a tempo pieno del rapporto di lavoro.

Mobilità assistenti tecnici

A decorrere dall’a.s. 2021/2022 l’organico di diritto del personale ATA è stato incrementato di 1.000 posti di Informatica (codice T72) per assistenti tecnici di area “elettronica ed elettrotecnica – codice AR02” nelle scuole dell’infanzia, primaria e secondaria di I grado, ai sensi della L. 178/20 art.1 co.967 (Legge di Bilancio 2021).

Tali posti sono numericamente inseriti nelle disponibilità provinciali ed occorre acquisire direttamente dall’UST competente quale sia l’effettiva istituzione scolastica-polo cui far riferimento in caso di domanda di mobilità con preferenza su codice puntuale.

È bene, quindi, prestare attenzione alla compilazione della domanda anche in considerazione del fatto che il codice sintetico potrebbe (il condizionale è d’obbligo) comprendere anche uno o più posti nelle scuole del I ciclo.

Per escludere questa evenienza, si dovrà agire sulle caselle nell’ordine di preferenza per grado di istruzione, spuntando solo quella/e di interesse.

Monza, 02/03/2022

Articolo precedenteMobilità 2022, le date ufficiali
Articolo successivoIl Governo Draghi ha tradito per l’ennesima volta i lavoratori della scuola”