Home Notizie LE TV ITALIANE FINALMENTE PARLANO DEL PERSONALE ATA

LE TV ITALIANE FINALMENTE PARLANO DEL PERSONALE ATA

941

Prot. n. 40 /2020 del 20/03/2020

Agli organi di stampa

A tutto il personale ATA



Dopo 18 anni di battaglie le tv italiane parlano del personale ATA

Il personale ATA non è più invisibile, ne parlano le TV italiane

Grazie a FederATA e al leader della Lega Salvini tutti sanno che le scuole non sono chiuse

Finalmente le tv italiane parlano del personale ATA e lo fanno, purtroppo, in un momento in cui stiamo fronteggiando questa “emergenza epidemiologica” causata dal “COVID19(CORONAVIRUS). Lo fanno oggi grazie alla nostra perseveranza e grazie all’attenzione che ha rivolto verso la nostra categoria il leader della Lega, Salvini.

E’ dal lontano 2002 con l’ANAAM scuola (associazione nazionale assistenti amministrativi) prima e dal 2015 con FederATA, che cerco di portare all’attenzione degli organi di stampa e delle tv nazionali quelli che erano, e purtroppo lo sono ancora, i problemi del personale ATA.

La mancata considerazione, da parte delle autorità, per tutto il personale ATA che viene obbligato ad andare in servizio dai dirigenti scolastici è abominevole e porterò avanti questa battaglia, per un riconoscimento che non deve essere solo quello del lavoratore bensì dell’essere umano, senza distinzione di categoria e/o ruolo e/o profilo, per noi che con spirito di abnegazione continuiamo comunque a mandare avanti le nostre scuole, senza che lo Stato si sia assunto l’onere di fornire sussidi a tutela della nostra salute.

Il Senatore Salvini, nella conferenza stampa tenuta al Senato dopo l’uscita del nuovo decreto Cura Italia, ripresa dalla RAI mercoledì scorso, e nel programma serale di Rete 4, ha fatto capire a tutta l’opinione pubblica che le scuole non sono chiuse perché il personale ATA, senza motivo, viene tenuto in servizio contro la logica di tutte le restrizioni in atto per diminuire il contagio.

E se ne è parlato anche nella trasmissione di Sky TG24 di ieri mattina alle 12.30, condotta dalla giornalista Helga Cossu, che espressamente ha chiesto al Ministro Azzolina il motivo per cui le scuole sono ancora aperte, visto che il personale ATA viene tenuto inspiegabilmente ancora in servizio.

Il decreto Cura Italia deve essere modificato perchè non tiene conto della salute del personale ATA e non riduce la circolazione delle persone nelle strade”.

DOVE SONO I SINDACATI FLCGIL,CISL,UIL,SNALS. GILDA e

ANIEF(sindacato del ministro)???????????

STANNO ZITTI PERCHE’ A LORO INTERESSANO I DOCENTI E NON GLI ATA.

Il Governo deve chiudere le scuole (il ministro Azzolina è componente del Governo?), i dirigenti scolastici non comprendono che non ci sono servizi minimi da garantire e non c’è nessun contingente minimo in presenza da attivare.



Il Presidente Nazionale FederATA

Giuseppe Mancuso