Home Notizie SOSTITUZIONI ATA-QUALCHE TIMIDA SPERANZA

SOSTITUZIONI ATA-QUALCHE TIMIDA SPERANZA

9086
0
CONDIVIDI

SOSTITUZIONI ATA-QUALCHE TIMIDA SPERANZA

Prot. n. 75 del 25.10.2017

Ai Colleghi ATA

Agli Organi di Stampa

Loro Sedi

Oggetto: SOSTITUZIONI ATA: QUALCHE TIMIDA SPERANZA.

Gentili Colleghi,

La manovra di bilancio 2018/2020 è stata discussa dal Consiglio dei Ministri nella seduta del 16 Ottobre 2017, e come previsto, è attesa in Parlamento per la discussione e l’approvazione definitiva.

Sappiamo con certezza che la bozza di Decreto tiene conto principalmente dei Dirigenti Scolastici come guide e leaders delle nostre Istituzioni Scolastiche, premiandoli principalmente sul piano economico con un aumento netto di circa 400,00 € mensili, e laggiornamento dei loro stipendi partirà da Settembre 2018.

La bozza della Legge di Bilancio 2018 appena trattata dal Consiglio dei Ministri, prevede una modifica all’articolo 1, comma 332 della Legge di Stabilità del 2015, che vieta ai Dirigenti Scolastici, dal 1 settembre 2015, di conferire le supplenze agli Assistenti Tecnici in modo assoluto, agli Assistenti Amministrativi quando l’organico di diritto è di tre unità o più, e ai Collaboratori Scolastici per i primi sette giorni di assenza del titolare.

La proposta di modifica consiste nella possibilità di nominare i supplenti relativamente ai profili di Assistente Amministrativo/Tecnico per assenze superiori a 29 giorni. Restano, per il momento, invariate le norme relative ai Collaboratori Scolastici che penalizzano e mettono veramente a rischio la sorveglianza ai nostri ragazzi e l’assistenza agli alunni diversamente abili.

Questa proposta di modifica, non ha ancora superato la valutazione e la relativa approvazione della Ragioneria Generale dello Stato.

Sono tristemente noti a tutta la Comunità Scolastica gli effetti devastanti di queste norme irragionevoli e assurde, al punto che è diventato complesso e problematico persino aprire le nostre Scuole e garantire i servizi minimi all’utenza, per non parlare della vigilanza sugli accessi agli edifici, o di quella sui nostri alunni e del funzionamento dei Laboratori.

Il Sindacato Feder.ATA è sempre stato, fin dall’inizio, fortemente critico nei confronti del blocco delle supplenze, ha sempre ed insistentemente chiesto e scritto alle Ministre Sen. Fedeli e Sen. Giannini per l’immediata abrogazione.

Siamo fieri di aver contribuito, con le nostre richieste, al parziale miglioramento di queste inaccettabili norme restrittive che hanno fortemente umiliato e danneggiato tutto il quotidiano lavoro del Personale ATA.

C’è ancora molto lavoro da fare per ridare dignità alla nostra categoria, profondamente abbandonata a sé stessa, oggetto di tagli selvaggi e vessazioni burocratiche di ogni genere.

Continueremo con le nostre giuste rivendicazioni e nessun Collega sarà lasciato da solo, Feder.ATA è attualmente e sarà sempre l’unico Sindacato a tutela di tutto il Personale ATA.

Cordialmente

La Direzione Nazionale Feder.ATA