Home Notizie COMUNICATO PER LA STAMPA

COMUNICATO PER LA STAMPA

1253

COMUNICATO PER LA STAMPA

Assistenti tecnici e segretari: pronti alla mobilitazione.

NO alla paventata idea di licenziare 12 mila collaboratori scolastici per affidare le pulizie delle scuole alle imprese private

NO ad uno stato di cose che sta portando le Segreterie scolastiche al coma irreversibile

SI allo sblocco delle assunzioni e alle sostituzioni anche per brevi periodi degli assistenti amministrativi che per la cosiddetta “Buona Scuola”, se assenti, nei fatti non possono essere sostituiti

Sono le richieste di Feder.A.t.a., e del coordinamento regionale del Veneto, che interviene sull’attuale situazione gestionale delle scuole pubbliche dopo l’incontro tenutosi nei giorni scorsi tra il Governo nazionale e i sindacati confederali sul rinnovo del contratto di lavoro. “Al termine dell’incontro sarebbe stato concordato un incremento stipendiale non inferiore a 85 euro medi mensili: l’elefante che partorisce il topolino, verrebbe da dire, dopo dieci anni di attese e false promesse. Con l’aggiunta della Corte Costituzionale che ha dichiarato illegittimo il congelamento dei contratti e a cui nessuno, sembra avere dato ascolto”, spiega Guido Sgro’, segretario organizzativo nazionale di Feder.A.t.a.

La Federazione annuncia un impegno di vigilanza attiva nei confronti di una situazione di stallo che si è venuta a creare intervenendo, con azioni concrete, per combattere le ingiustizie subite che hanno determinato negli ultimi anni una politica sbagliata di rappresentatività.

Non sono slogan – aggiunge Sgro’ – ma è un fatto che non possa esistere istituzione scolastica che funzioni se a supporto delle attività non vi sia una Segreteria scolastica bene organizzata. Negli ultimi anni la categoria degli amministrativi, sempre più maltrattata e ridotta nei numeri, si è vista aumentare a dismisura carichi di lavoro da evadere in tempi sempre più brevi. La Feder.A.t.a. Veneto dice di NO a questo stato di cose che sta portando le Segreterie scolastiche a uno stato di coma irreversibile. E dice NO alla paventata idea di licenziare 12 mila collaboratori scolastici per affidare le pulizie delle scuole alle imprese private (l’esperienza di questi ultimi anni, in tantissime scuole dove hanno operato le imprese di pulizia, ci dimostra che, in termini di qualità del lavoro svolto e sotto l’aspetto economico-finanziario, qualcosa non ha funzionato). È ora invece che ogni istituzione scolastica preveda nell’organico la figura dell’assistente tecnico; e che si sblocchino le assunzioni, le sostituzioni anche per brevi periodi in particolare degli assistenti amministrativi, che per la legge sulla cosiddetta “Buona Scuola”, se assenti, nei fatti non possono essere sostituiti, determinando un sovraccarico di lavoro, già notevole, per i colleghi in servizio. Come Feder.A.t.a. riteniamo che sia giunto il momento di condurre delle azioni per recuperare la credibilità sindacale e dare nuova linfa, forza e vigore alla rappresentatività. Vanno ridisegnati, forse reinventati, i compiti e le funzioni delle RSU. Non possiamo permettere a nessuno che si continui a pensare che esse siano solo gruppi di lavoro che compiacciano le dirigenze”. In questo quadro si inserisce l’assemblea del personale prevista nel mese di marzo dove si parlerà di rinnovo del CCNL, di problematiche Ata e di azioni di mobilitazione. “Crediamo opportuno rivolgerci alla stampa, e lo facciamo con questo primo comunicato, perché vediamo in essa un valido e qualificato strumento per creare un canale comunicativo fatto di confronto serio sulle tantissime tematiche da affrontare e, soprattutto, nelle soluzioni da proporre ed adottare in modo condiviso”.

FEDER.A.T.A. parteciperà al fianco del Comitato Dsga, in sostegno dell’iniziativa di tutela dei Dsga facenti funzione, all’incontro previsto per il 24 febbraio prossimo a Vicenza, Hotel Giada, dalle 9.30 alle 11, per manifestare contro il bando di concorso annunciato per la selezione dei Dsga che, così come annunciato, escluderebbe dalla partecipazione tutti i Dsga facenti funzione con più di due anni di servizio.

Belluno, 16.02.2018

L’ufficio comunicazione

IL SEGRETARIO REGIONALE

IL SEGRETARIO ORGANIZZATIVO NAZIONALE

f.to Guido SGRO’