Home Seminari-Assemblee Sindacali Sblocco ATA-la posizione di FederATA Veneto

Sblocco ATA-la posizione di FederATA Veneto

1732

Sblocco ATA-la posizione di FederATA Veneto

Ufficio Stampa – Responsabile Giorgio IEMMOLO

Comunicato Stampa n.1 del 28.02.2017

Sblocco ATA, la posizione di FederAta Veneto

Una Scuola che si dice autonoma, lo è davvero se tiene nella giusta considerazione i compiti, le responsabilità professionali e le competenze anche della componente ATA. Oltre ogni slogan, non esiste istituzione scolastica che funzioni se a supporto delle attività non c’è una Segreteria scolastica che funzioni; anche nella capacità di distribuire i compiti alle varie componenti. Negli ultimi anni la categoria degli amministrativi, sempre più maltrattata, ridotta nei numeri, si è vista aumentare a dismisura carichi di lavoro da evadere in tempi sempre più brevi. La FederAta Veneto dice di NO a questo stato di cose che sta portando le Segreterie scolastiche a uno stato di coma irreversibile. Le pressioni subite dai collaboratori scolastici sono ormai insostenibili a causa soprattutto delle diminuzioni di organico e dei divieti di nomina supplenti: aumento dei carichi di lavoro, turni iper flessibili e orario di lavoro spezzato, spostamento da un plesso ad un altro o addirittura da un Comune a un altro, ore di straordinario assegnate d’ufficio; le norme sui servizi esternalizzati per pulizie e sorveglianza provocano l’accantonamento del loro organico (11 857 unità). La FederAta Veneto di NO alla paventata idea di licenziare questi quasi 12 000 collaboratori scolastici per affidare le pulizie delle scuole alle imprese private (l’esperienza di questi ultimi anni, in tantissime scuole dove hanno operato le imprese di pulizia, ci dimostra che, in termini di qualità del lavoro svolto e sotto l’aspetto economico-finanziario, qualcosa non ha funzionato). La FederAta Veneto dice di SI’ a che ogni istituzione scolastica preveda nell’organico la figura dell’assistente tecnico. É giunto il momento di sbloccare le assunzioni, le sostituzioni anche per brevi periodi in particolare degli assistenti amministrativi che, per la legge di stabilità, se assenti, nei fatti non possono essere sostituiti, determinando un sovraccarico di lavoro, già notevole, per i colleghi in servizio. Come FederAta, intervenendo per sboccare la situazione di stallo che si è venuta a determinare negli ultimi anni per una politica sbagliata, riteniamo che sia giunto il momento di condurre delle azioni per recuperare la credibilità sindacale che dia nuova linfa, nuovo vigore e nuova forza alla rappresentatività. Vanno ridisegnati, forse reinventati, i compiti e le funzioni delle RSU. Non possiamo permettere a nessuno che si continui a pensare che esse siano solo gruppi di lavoro che compiacciono le dirigenze e che mettono lingua in affari di gestione delle istituzioni scolastiche chissà per quali oscuri tornaconti personali o che, come ritengono altri, siano lì a spartire le briciole rimaste.

Ecco, queste sono solo alcune delle tematiche che, in tempi brevi, senza presunzioni e senza titubanze, vanno affrontate e risolte. E, in questa azione decisionale, vanno coinvolti i lavoratori, chiedendo loro di proporre idee, di impegnarsi in prima persona. É in questo quadro che si inseriscono le già programmate quattro assemblee del personale previste non in orario di servizio e che si svolgeranno nel mese di marzo dove si parlerà di rinnovo del ccnl, di problematiche ata (ovviamente) e di azioni di mobilitazione per culminare nello sciopero programmato per il 17 marzo prossimo.

<<A livello di dirigenza Feder.A.T.A. – dichiara Guido Sgrò, segretario regionale per il Veneto – abbiamo creduto opportuno rivolgerci alla stampa, e lo facciamo con questo primo comunicato, per due motivi: uno, perchè vediamo nella stampa, qualunque sia il mezzo di diffusione (carta stampata, radio, tv, …), un valido e qualificato strumento per raggiungere sostenitori e non; due, per creare un canale comunicativo fatto di confronto serio sulle tantissime, notevoli, tematiche da affrontare e, soprattutto, nelle soluzioni da proporre e adottare in modo condiviso. Come deve essere in un clima che non solo a parole si dice democratico. Colgo l’occasione per ricordare che alle assemblee parteciperanno alcuni componenti del Direttivo Nazionale>>.

SCHEDA

Assemblee personale ATA non in orario di servizio.

PROVINCIE INTERESSATE GIORNO ORARIO SEDE
PADOVA-ROVIGO 10 MARZO 2017 16:00 PADOVA
VERONA-VICENZA 13 MARZO 2017 16:00 VERONA
TREVISO-BELLUNO 15 MARZO 2017 16:00 CONEGLIANO
TREVISO-VENEZIA 16 MARZO 2017 16:00 CHIOGGIA

Fonte: Feder.A.T.A. Coordinamento Regionale per il Veneto.

  • Agli Organi di Stampa in indirizzo con preghiera di pubblicazione
  • E ai colleghi che decideranno di occuparsi del contenuto del comunicato un sincero augurio di Buon Lavoro e soprattutto di Buona Comunicazione

Il Responsabile

Giorgio IEMMOLO

Articolo precedenteLa grande paura per la nascita e la crescita di consensi dell’unico Sindacato per il Personale ATA
Articolo successivoIndizione concorsi per titoli 24 mesi ATA 2016-2017